La corrispondenza delle parole chiave in una campagna Google Ads

 

Corrispondenza parole chiave

 

La corrispondenza delle parole chiave in una campagna Google Ads è fondamentale!

In un precedente articolo avevo spiegato che la campagna perfetta non esiste, perché tante sono le variabili che possono influire, e una di queste è anche l’utilizzo o no della corrispondenza delle parole chiave.

Ora mi spiego meglio.

Quando si entra nella piattaforma di Google Ads e si inizia a creare una campagna Ads, una delle cose importanti, anzi fondamentale, è proprio la scelta delle parole chiave, anzi per essere precisi, bisognerebbe studiare e aver ben chiare quelle che saranno le keywords da utilizzare.

Come piccolo consiglio suggerisco, se non si hanno le idee chiare, l’utilizzo di strumenti come il Pianificatore di Parole Chiave o siti come Google Trends e Answer The Public.

Tornando alle corrispondenze invece, è fondamentale conoscerle e saperle applicare, perché ci permettono di far o non far visualizzare il nostro  annuncio soltanto quando l’utente utilizza determinate parole chiave come query.

Ecco un breve e schematico elenco:

  • Corrispondenza generica: è la tipologia predefinita;  può mostrare gli annunci anche per ricerche che includono errori di ortografia, sinonimi, ricerche correlate e molte altre varianti.
  • Corrispondenza inversa: questa tipologia è fondamentale perché evita che gli annunci vengano mostrati per ricerche di un termine specifico. Graficamente si fa precedere la parola chiave da un –
  • Corrispondenza a frase: gli annunci possono essere pubblicati per ricerche corrispondenti a una frase o alle sue varianti simili precedute o seguite da una o più parole.  La frase deve essere racchiusa tra virgolette
  • Corrispondenza esatta: gli annunci possono essere pubblicati per ricerche che utilizzano il termine esatto. Graficamente la parola chiave viene racchiusa tra le parentesi quadre.

Per essere chiari facciamo un esempio, prendiamo la parola chiave scarpe sportive, declinandola nelle diverse corrispondenze:

corrispondenza generica: l’annuncio verrà visualizzato anche per calzature sportive, scarpe da corsa, scarpe da running, scarpe da tennis

corrispondenza a frase “scarpe sportive”: l’annuncio verrà visualizzato per  scarpe sportive economiche, scarpe sportive scontate, le migliori scarpe sportive

corrispondenza esatta [scarpe sportive]: l’annuncio verrà visualizzato solo quando l’utente digiterà scarpe sportive

Conoscere e utilizzare questo strumento, permette di perfezionare al meglio la campagna; ovviamente utilizzandolo  non è garantito a priori l’esito positivo della campagna, ma la perfezionerà.

 

Se volete approfondire questo argomento, non esitate a contattarmi

 

Sara

Report Digital 2019: ecco una breve analisi, parola di Sara Macchi

Il report Digital 2019 di We Are Social e Hootsuite è arrivato!

Ormai è un appuntamento fisso a scadenza annuale, e ora possiamo pensare a come analizzare e utilizzare questi dati per il nostro lavoro.

Il report analizza lo scenario social e digital a livello globale e locale, prendendo in esame 230 distinti paesi, tra i temi trattati possiamo citare: il tempo medio che spendiamo sui social, le piattaforme social più utilizzate, i dispositivi utilizzati, fino ad arrivare agli e-commerce.

Bene, addentriamoci nelle statistiche e nei numeri: ogni anno si riscontra un utilizzo sempre maggiore del web, in effetti ormai lo utilizziamo sia nella sfera lavorativa che in quella privata: non possiamo farne proprio a meno.

I valori che maggiormente mi colpiscono riguardano l’espansione dell’e-commerce: l’utilizzo crescente di Internet sta trascinando ovviamente anche l’e-commerce.

Tre quarti di tutti gli utenti di Internet ha dichiarato di aver acquistato nell’ultimo mese prodotti o servizi online (dato in crescita per il dispositivo mobile).  In Italia nello specifico due italiani su tre effettuano acquisti o pagamenti online, e il 42% l’ha fatto da dispositivi mobili.

Entrando invece nel mio mondo, cioè quello dei social media, i dati che mi piace portare alla vostra attenzione riguardano le persone attive sulle piattaforme social, che sono circa 35 milioni, di cui 31 milioni quelli che accedono da mobile, dispositivo ormai sempre più utilizzato.

Il tempo di permanenza sui social network (ovviamente è una media) è di poco inferiore alle 2 ore ogni giorno ( avete notato che sui dispositivi IoS esiste un’applicazione che ci può dire il tempo di utilizzo?)

Youtube si è confermata la piattaforma social più attiva, seguita da WhatsApp e Facebook;

Dovremo prestare molta attenzione anche al mondo gaming, infatti 1 italiano su 6 gioca in modalità streaming live, mentre l’11% guarda altri gamers giocare online, il 5,4% in relazione a campionati di e-sports…nei prossimi periodi ne sentiremo delle belle…

Altro punto importante riguarda la tecnologia voice, che sta iniziando a diffondersi; come dimostra il dato relativo al 3o% degli utenti Internet che utilizza almeno un servizio controllato tramite la voce.

In conclusione

Per concludere posso notare che i canali social, specialmente in Italia, stanno diventando fondamentali per le tre attività più importanti nella vita di una persona: informarsi, intrattenersi e conversare.

Se volete saperne di più, non esitate a contattarmi.

Sara